Sì della maggioranza al travaso di competenze dall’ambiente all’agricoltura, persino sulla fauna selvatica. Le Associazioni: “Sempre più caccia selvaggia. Cosa dice il ministro Pichetto Fratin?

Non accenna a placarsi il furore filo-venatorio di governo e maggioranza. Contestualmente al grave fatto in Commissione Bilancio, dove è stato presentato un emendamento chiaramente inammissibile che autorizza spari “no limits” anche in città e nelle aree protette – demolendo di fatto i capisaldi della nostra legislazione ambientale (legge 157/92 e 394/91) – la maggioranza manifesta la volontà  anche di smantellare le prerogative istituzionali del Ministero dell’Ambiente, esautorandolo delle sue competenze sulla fauna selvatica che verrebbero trasferite nelle mani del Ministero dell’Agricoltura.

L’occasione – denunciano le associazioni Enpa, Lac, Lav e Lipu- è stata  fornita dalla conversione in legge del  decreto-legge 11 novembre 2022, n. 173, in materia di riordino delle competenze dei Ministeri. Nell’approvare il decreto, ieri l'aula del Senato – dopo la presa di posizione della commissione  ambiente –  ha espresso parere favorevole ad un ordine del giorno per il  passaggio di tutte le competenze in materia di fauna selvatica dal Ministero dell’Ambiente al Ministero dell’Agricoltura, infliggendo di fatto un gravissimo vulnus all’attività del primo che, nei fatti, finirebbe per diventare qualcosa di molto simile a una “scatola vuota”. Con tutta evidenza questo significherebbe dissociare la fauna dalle aree protette, gli habitat, la biodiversità che resterebbero al Ministero dell’Ambiente. Significherebbe subordinare la tutela della fauna alla gestione e alla attività venatoria, che è l’unico vero scopo di tale disegno. Si tratta di elementi illogici, incostituzionali, inconcepibili nel 2022 in piena crisi climatica e della biodiversità.

«L’obiettivo ultimo di questo inaccettabile travaso di competenze dall’Ambiente all’Agricoltura è, evidentemente, quello di aumentare ancor di più le occasioni di sparo e di fare della caccia un vero business economico: uccidere quanti più animali per farli vendere dai cacciatori. Il cambio di paradigma è inaccettabile: da patrimonio indisponibile dello Stato, cioè della collettività, qual è ora, la fauna finirebbe per diventare patrimonio e fonte di guadagno ad uso e consumo dei cacciatori», denunciano le associazioni che ritengono tale progetto non solo inaccettabile da un punto di vista etico, ma anche incostituzionale alla luce dell’articolo 9 della Costituzione, recentemente Novellato.

Facebook
Twitter
LinkedIn
https://enpa.org/products/slot-server-amerika/ https://enpa.org/products/slot-server-asia/ https://enpa.org/products/slot-server-china/ https://enpa.org/products/slot-server-eropa/ https://enpa.org/products/slot-server-filipina/ https://enpa.org/products/slot-server-hongkong/ https://enpa.org/products/slot-server-internasional/ https://enpa.org/products/slot-server-jepang/ https://enpa.org/products/slot-server-kamboja/ https://enpa.org/products/slot-server-luar/ https://enpa.org/products/slot-server-macau/ https://enpa.org/products/slot-server-malaysia/ https://enpa.org/products/slot-server-myanmar/ https://enpa.org/products/slot-server-rusia/ https://enpa.org/products/slot-server-sensasional/ https://enpa.org/products/slot-server-singapore/ https://enpa.org/products/slot-server-taiwan/ https://enpa.org/products/slot-server-thailand/ https://enpa.org/products/slot-server-vietnam/