Orsetto morto. Esposto Enpa in Procura: i selvatici in difficoltà devono essere soccorsi. Chi ha sbagliato paghi

L’orsetto bianco, segnalato da un escursionista perché in grave difficoltà e in seguito deceduto sul Monte Bondone, andava soccorso in base alle decisioni di un veterinario, possibilmente esperto di grandi carnivori. Invece è stato abbandonato a sé stesso ed è deceduto dopo un’agonia protrattasi verosimilmente per tre giorni, tre lunghissimi giorni. Questa l’accusa rivolta alla Provincia di Trento (Pat)  attraverso un esposto che l’Ente Nazionale Protezione Animali ha presentato alla Procura della Repubblica di Trento. Ai Magistrati l’associazione animalista chiede di fare chiarezza su questa terribile vicenda e di individuare eventuali responsabili per quello che appare come un gravissimo comportamento omissivo da parte della PAT. «La morte del povero orsetto bianco configura una chiara violazione della legge 157/92, articolo 4, il quale stabilisce in modo inequivocabile che agli animali in difficoltà si debba prestare il dovuto soccorso. Ma il decesso dell’orsetto bianco presenta anche evidenti implicazioni di natura etica, poiché è inaccettabile che un essere senziente, bisognoso di cure, sia lasciato da solo a morire senza alcun tipo di supporto veterinario. Tanta crudeltà ci lascia attoniti».

Né è possibile, come purtroppo è stato fatto, utilizzare il presunto argomento della cattività per giustificare la decisione pilatesca della PAT, che ha condannato il cucciolo. Chi sostiene questa incredibile decisione – chi cioè afferma che soccorrere l’orsetto avrebbe comportato rinchiuderlo a vita in un recinto – sbaglia. Tranne poche eccezioni, dovute per lo più alla salute dell’animale, il reinserimento in natura è sempre possibile dopo un adeguato percorso di riabilitazione. Ed è quello che da mesi l’Ente Nazionale Protezione Animali chiede per un altro giovane esemplare, M89, questo sì soccorso e poi rinchiuso al Belpark, un centro faunistico in cui gli animali vengono visti a pagamento.

Insomma, secondo Enpa, il mancato soccorso al cucciolo è dovuto non tanto ad una fantomatica impossibilità oggettiva, quanto a una precisa volontà di non soccorrerlo, di abbandonarlo al suo destino; una volontà conseguente alla politica discriminatoria che la PAT persegue da anni in aperta violazione delle leggi nazionali, delle normative europee e delle convenzioni internazionali.

Facebook
Twitter
LinkedIn
https://enpa.org/products/slot-server-amerika/ https://enpa.org/products/slot-server-asia/ https://enpa.org/products/slot-server-china/ https://enpa.org/products/slot-server-eropa/ https://enpa.org/products/slot-server-filipina/ https://enpa.org/products/slot-server-hongkong/ https://enpa.org/products/slot-server-internasional/ https://enpa.org/products/slot-server-jepang/ https://enpa.org/products/slot-server-kamboja/ https://enpa.org/products/slot-server-luar/ https://enpa.org/products/slot-server-macau/ https://enpa.org/products/slot-server-malaysia/ https://enpa.org/products/slot-server-myanmar/ https://enpa.org/products/slot-server-rusia/ https://enpa.org/products/slot-server-sensasional/ https://enpa.org/products/slot-server-singapore/ https://enpa.org/products/slot-server-taiwan/ https://enpa.org/products/slot-server-thailand/ https://enpa.org/products/slot-server-vietnam/